Subscribe Now

Trending News

Antincendio Bus - Articoli Blog

Cinture di sicurezza: normativa per autobus e minibus
Sicurezza bus

Cinture di sicurezza: normativa per autobus e minibus 

Su l’obbligo di allacciare le cinture di sicurezza su bus e minibus c’è confusione e disinformazione. Quando si parla di cinture di sicurezza si pensa subito a quelle dell’auto, trascurando il fatto che l’obbligo d’indossarle è previsto anche per altri mezzi di trasporto. Facciamo chiarezza sul tema.

Secondo i commi 6 e 7 dell’art 172 Cds: “Tutti gli occupanti, di età superiore a tre anni, dei veicoli in circolazione delle categorie M2 ed M3 devono utilizzare, quando sono seduti, i sistemi di sicurezza di cui i veicoli stessi sono provvisti. I bambini devono essere assicurati con sistemi di ritenuta per bambini, eventualmente presenti sui veicoli delle categorie M2 ed M3, solo se di tipo omologato secondo quanto previsto al comma 1. 7. I passeggeri dei veicoli delle categorie M2 ed M3 devono essere informati dell’obbligo di utilizzare le cinture di sicurezza, quando sono seduti ed il veicolo è in movimento, mediante cartelli o pittogrammi, conformi al modello figurante nell’allegato alla direttiva 2003/20/CE, apposti in modo ben visibile su ogni sedile. Inoltre, la suddetta informazione può essere fornita dal conducente, dal bigliettaio, dalla persona designata come capogruppo o mediante sistemi audiovisivi quale il video.”

Ma cosa si intende per veicoli appartenenti alle categorie M2 e M3?

La risposta è contenuta nell’art. 47 del Cds, che designa nella Categoria M2 i veicoli destinati al trasporto di persone, aventi più di otto posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima non superiore a 5 t; mentre i veicoli appartenenti alla categoria M3 sono quelli destinati al trasporto di persone, aventi più di otto posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima superiore a 5 t.

Pertanto, dalle norme emerge che i passeggeri di età superiore ai tre anni sono obbligati a indossare le cinture di sicurezza. Inoltre, non esiste l’obbligo per i veicoli delle categorie M2 e M3 di dotarsi di questi dispositivi. Il bigliettaio, il conducente o il soggetto designato come capogruppo, sono tenuti a istruire i passeggeri sull’obbligo d’indossare le cinture di sicurezza, se in dotazione, se sul mezzo non sono presenti cartelli, adesivi o video informativi.

Quali sono le sanzioni per chi trasgredisce?

L’art. 172 Cds, tranne casi specifici di esonero, al comma 10 punisce chiunque non fa uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini. In questi casi sono previste sanzioni pecuniarie che variano da 81 a 326 euro.

Nel momento in cui il mancato uso riguarda il minore, della violazione risponde il conducente o chi è tenuto alla sorveglianza dello stesso.

Inoltre, l’art. 172 Cds al comma 11 punisce anche chi “pur facendo uso dei dispositivi di ritenuta, ne altera od ostacola il normale funzionamento degli stessi” con la sanzione amministrativa da 40 a 163 euro.

0/5 (0 Reviews)

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento

Campi obbligatori *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.