Subscribe Now

Trending News

Antincendio Bus - Articoli Blog

Sicurezza bus

Sicurezza sui mezzi di trasporto: numeri di settore 

Sicurezza sui mezzi di trasporto: numeri di settore

La sicurezza su autobus è un argomento sempre più alle luci della ribalta. I sempre più frequenti casi di incendi, la sempre maggiore complessità tecnologica del prodotto autobus e l’uso di nuovi materiali, specie per gli arredi interni, hanno focalizzato sempre più l’attenzione sulle complesse problematiche relative a tali eventi.

Dalle indagini statistiche condotte qualche tempo fa dall’Associazione dei trasporti ASSTRA in Italia risulta che su circa 22000 autobus, 140 in un anno hanno subito un incendio, ossia 6 incendi su 1000 autobus, di cui 77 (3,5%) con danni trascurabili, mentre 12 autobus sono andati completamente distrutti, senza che comunque vi siano stati danni alle persone.

Dati che fanno riflettere sulla necessità, da parte delle case costruttrici, di adottare la massima attenzione nella individuazione degli accorgimenti costruttivi e dei materiali più idonei nella realizzazione degli autobus, e da parte delle aziende esercenti, di investire in manutenzione.

Lo studio effettuato rileva inoltre, come sia proprio il vano motore, la zona in cui si creano le condizioni più favorevoli all’incendio, visto che la contemporanea presenza di comburente, combustibile ed energia di attivazione, determinano le condizioni necessarie affinché una combustione possa avvenire.

Bisogna tenere presente che nel caso in cui l’incendio si verifichi nel motore, l’incendio si estende in circa 5 minuti, successivamente si propaga nel resto del veicolo, con lo sviluppo di sostanze tossiche in 3 minuti e infine si realizza in 20 – 30 minuti, diffondendosi in tutto il mezzo. Come già accennato, l’intensificazione di un incendio sembrerebbe dovuto essenzialmente ai materiali degli allestimenti interni, specie quelli dei veicoli più moderni e confortevoli.

Quali sono le maggiori cause di  incendio negli autobus? 

Queste sono facilmente identificabili nei materiali combustibili installati e nelle potenziali sorgenti di ignizione. Per i materiali combustibili e infiammabili presenti, questi sono di natura solida e liquida, e a causa di una perdita o qualche altra azione e a contatto con una superficie calda, possono determinare un incendio. Nella maggior parte dei casi, l’incendio è innescato da residui di olio e altre sostanze gassose che creano croste di materiale facilmente infiammabile. Un controllo accurato e una pulizia generale del motore e degli organi di trazione ogni due anni, basterebbe a ridurre del 70% il rischio di innesco di incendi.

Oltre alle superfici calde del motore, il surriscaldamento di superfici metalliche può essere causato da attriti anomali originati dal bloccaggio di cuscinetti, ventole e/o per un carente raffreddamento del vano motore.

Il calore prodotto dalla combustione nel motore, e portato fuori dal motore dal sistema di gas e scarico, fa sì che i tubi di scarico abbiano temperature fino a 600°C, il corpo motore sia in genere a circa 95°C, mentre la temperatura dell’aria in una vano motore è solitamente attorno ai 70 – 90 °C, temperatura superiore al punto di infiammabilità del diesel. Questo significa che il liquido è facilmente infiammabile e inoltre, se un motore è ad alti regimi, ad alta temperatura esterna e il vano motore è poco ventilato, la temperatura dell’aria può aumentare a livelli ancora più elevati e innescare l’incendio.

Dove si origina l’incendio di un bus?

In primo luogo nel vano motore. Un altro ingrediente fondamentale per lo sviluppo di un incendio, è la ventilazione dell’ambiente, fattore determinante per allungare il tempo di accadimento del cosiddetto incendio generalizzato.

Difatti la presenza di spazi angusti e inaccessibili nel vano motore, che impediscono sia l’accesso fisico che visivo, costituiscono una potenziale fonte di incendio e, in aggiunta a una scarsa ventilazione, conduce spesso ad alte temperature, che a loro volta anticipano la propagazione indifferenziata delle fiamme.

0/5 (0 Reviews)

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Lascia un commento

Campi obbligatori *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.